Coltiviamo passioni per offrirvi emozioni
Dichio vivai garden

Gemme degli Alberi e delle Piante

germogli di piante

Come distinguere le gemme degli alberi e delle piante e riconoscerle nella propria vita vegetativa.

Differenze e caratteristiche delle aree di crescita sui rami.

gemme degli alberi e delle piante

Gemme degli Alberi e delle Piante

La maggior parte delle gemme degli alberi e delle piante in generale, hanno caratteristiche molto simili, che dipendono moltissimo dalla stagionalità e dalla illuminazione.

Di solito i periodi che vanno tra i mesi primaverili e quelli estivi sono quelli di vita vegetativa della pianta, tranne relative eccezioni.

Difatti, le gemme delle piante legnose per la maggior parte vanno in riposo quando le temperature cominciano ad abbassarsi, e di conseguenza diminuiscono le ore di luce naturale. Nel calendario si considerano i giorni più corti dalla fine di settembre in poi.

In autunno e con l’avvicinarsi dell’inverno gli organismi viventi, compresi quelli del mondo animale, rallentano drasticamente le funzioni vitali.

Riprendono poi a svilupparsi con l’arrivo della primavera, quando le condizioni ambientali migliorano pian piano, consentendo lo sviluppo e la riproduzione. Questo succede sia per le specie all’aria aperta come nel caso delle drupacee, ma anche per quelle all’interno della propria abitazione.

gemme latenti delle piante

Il germogliamento primaverile costituisce il primo periodo di accrescimento della pianta dopo la stasi invernale. I germogli deboli ad un certo momento bloccano questa fase di accrescimento per poi continuare con una successiva fase a forte crescita rappresentata dai getti più forti.

In seguito, assistiamo ad un secondo periodo di sviluppo dei rami che si svloge lungo tutto il periodo estivo. A volte anche fino ai primi freddi invernali.

Ma lo stato di torpore delle gemme dipende anche da altri fattori, ad esempio da ragolazioni endogene, insite in ogni specie vegetale.

Tipologie

Nell’analizzare le svariate tipologie di bottoni floreali riusciamo a convenire su un dato, cioè che ci sono comunque diversi tipi di gemme:

  • laterali, o ascellari
  • gemme a legno,
  • apicali,
  • pronte, o femminelle,
  • avventizie,
  • latenti

Le gemme laterali, o ascellari che dir si voglia, si sviluppano nella primavera successiva a quelle in cui si formano. E si comportano dunque da dormienti.

Invece la gemma a legno o vegetativa, prende tale nome quando produce rami o foglie sul ramo stesso.

In genere dalle gemme a legno derivano i rami che dal punto di vista morfologico strutturale sono molto simili al fusto della pianta. Producono tra gli internodi diverse foglie già nello stesso periodo vegetativo. E’ facile che a occhio nudo si intravedano già i principi delle foglie.

Va detto che quelle che si sviluppano nello stesso anno in cui sono nate prendono il nome di gemme pronte, dette anche femminelle.

A parte da tutte ci sono altri tipi di germogli, che si sviluppano in taltre parti della pianta o dell’albero: le gemme avventizie. Queste ultime nascono in varie parti del fusto sia adulte che giovani e ma possono crescere anche su varie zone dei rami o delle branche.

Con il nome di gemma latente si indica invece un bocciolo nato da una sottogemma o da un altro germoglio dormiente, rimasto in questo stato di inattività anche da diversi anni.

germogli delle piante

Nello specifico quando si analizza un ramo da un anno all’altro possiamo notare che le gemme comparse hanno una forma e un volume molto diverso. Da queste nasceranno in seguito getti grandi o piccoli, più o meno rigogliosi. Ancher se il germoglio più forte sarà di sicuro quello che spunterà dalla gemma apicale. Successivamente tale ramo potrebbe essere soggetto a potatura o interessato da innesto. Ecco che allora la germma sottostante assumerà la funzione della cima potata.